Il Pasto è il primo passo - 10 Dicembre 2016

Il progetto famiglie continuerà anche nel 2017

Dagli ultimi dati Istat, risulta che le famiglie con figli minori sono il segmento di popolazione che sempre di più rischia di trovarsi in condizione di povertà, grave deprivazione materiale o bassa intensità di lavoro. Proprio per continuare a rispondere a questo bisogno, sabato 3 dicembre, presso la mensa “Padre Ernesto”, si è tenuta un’importante cena di raccolta fondi organizzata da Antoniano onlus e Food for Soul, a sostegno della mensa serale per le famiglie, un nuovo servizio attivo da maggio 2016.

Tutti i lunedì sera l’Antoniano ospita infatti 25 nuclei familiari – tra cui sono presenti più di 40 bambini – e offre loro la possibilità di cenare in un luogo accogliente dove sentirsi come a casa, e da lì partire per un percorso di reinserimento all’interno del tessuto sociale.

Da maggio ad oggi 33 chef volontari dell’Associazione Chef to Chef Emilia Romagna, hanno preparato oltre 2000 pasti utilizzando cibo recuperato da eccedenze alimentari e donazioni dei produttori dell’Associazione. Per rendere gli spazi ancora più accoglienti, sono stati inoltre completati lavori di ristrutturazione della mensa dell’Antoniano.

Le donazioni raccolte dalla cena di sabato 3 dicembre 2016 contribuiranno a portare avanti la mensa serale per le famiglie anche nel 2017.

Vogliamo fronteggiare la povertà e mettere al centro il benessere della persona – ha detto ringraziando i presenti Fr. Giampaolo Cavalli, direttore di Antoniano –; abbiamo lavorato per creare un nuovo spazio, un luogo accogliente dove le famiglie in difficoltà si possano sentire come a casa e, intorno alla tavola, iniziare una vita migliore. Così la mensa per le famiglie di Antoniano onlus è diventata una realtà. Ora è importante dare forza a questo progetto: dobbiamo esserci per tutti i genitori e i bambini che hanno bisogno di noi. Le vostre donazioni garantiscono a 25 famiglie di cenare alla nostra mensa e iniziare insieme un percorso di autonomia e dignità.”

Il traguardo è stato raggiunto anche grazie al contributo e alla collaborazione di molti partner che hanno partecipato a titolo gratuito alla serata primi tra tutti, oltre a Food for Soul, gli chef. Massimo Bottura, Gino Fabbri, Valentino Marcattilii, Massimo Poggi e Massimo Spigaroli, che hanno lavorato pro bono con il massimo della professionalità e competenza. Il pane è stato donato dal Forno di Calzolari e i vini da Cantina Paltrinieri e Cantina Villa Venti, e il servizio è stato effettuato completamente da volontari. Inoltre, molte aziende hanno sostenuto il progetto con la loro presenza, in particolare: Injenia, UniCredit, Balsamiq, Lavoropiù, Coswell e Datalogic. Un grazie particolare va anche allo Studio Lucchi e Biserni e allo Studio Francesco Faccin che hanno contribuito ai lavori di ristrutturazione della mensa.

 

condividi:
POST RELATED

Pasto, accoglienza, ascolto e aiuto.
Sono le tappe di un percorso che diventa la vita di ogni giorno.
I 4 passi per favorire il reinserimento nella società.

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER
Privacy

Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo. Clicca qui per maggiori informazioni. OK

Loading…